Proteggere i bambini: una responsabilità collettiva che parte dagli adulti

gruppo di bambini piccoli in cerchio con operatrice save the children

Alla luce di drammatici casi di cronaca, negli ultimi anni è aumentata la consapevolezza del rischio di comportamenti inadeguati o di abusi all’interno di spazi e servizi dedicati ai minori, oltre che nel web.
È inaccettabile che la violenza, i maltrattamenti fisici ed emotivi, la trascuratezza, l’abbandono e, più in generale, pratiche scorrette educative e di cura colpiscano i minori proprio dove dovrebbero essere più al sicuro: gli asili nido, le scuole, gli spazi educativi informali, i centri sportivi e ricreativi. 
Eppure questo accade ancora, ed è necessario fare di più per promuovere comportamenti positivi da parte degli adulti di riferimento, per saper riconoscere i segnali di rischio e intervenire in modo tempestivo.

I 10 passi verso la tutela dei minori


Abbiamo così redatto un manifesto, dal titolo “10 in condotta” dove le Organizzazioni firmatarie si impegnano ad intraprendere al proprio interno e a promuovere i seguenti 10 passi per la tutela dei minorenni da parte degli adulti di riferimento:

  • La Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza al centro

Fondiamo ogni nostra attività che coinvolge bambini, bambine e adolescenti sui principi della CRC (Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza), tra i quali il rispetto del superiore interesse del minore e il suo diritto di essere tutelato da ogni forma di violenza, maltrattamento, sfruttamento, negligenza o altro abuso.

  • Il codice di condotta vincolante e pubblico

Adottiamo un codice di condotta vincolante e pubblico nel quale sono indicati i comportamenti obbligatori e quelli da evitare nella relazione con i minori. Ci dotiamo di procedure di segnalazione che stabiliscono cosa fare davanti a un segnale di rischio e incoraggiamo lo staff e i volontari a sentirsi sempre responsabili della tutela dei bambini, senza timori di ripercussioni in caso di segnalazioni. Rendiamo applicabili queste misure preventive in ogni contesto nel quale operiamo, all’interno o all’esterno delle nostre strutture.

  • Un focus sullo staff

Mettiamo la tutela dei minorenni al centro dei criteri e delle procedure di selezione delle risorse umane, della loro formazione e delle prassi per la prevenzione gestione dello stress lavoro-correlato.

  • Massimo livello di sicurezza in ogni luogo

Nell’organizzazione degli spazi, dei trasporti e in generale negli aspetti strutturali e logistici delle nostre attività ci impegniamo a garantire il massimo livello di sicurezza, anche evitando situazioni appartate non necessarie.

  • Raccogliamo le segnalazioni e agiamo tempestivamente

Prendiamo sul serio le segnalazioni di ogni potenziale rischio per un minore, evitando di sottovalutarle e intervenendo con tempestività, cura e dovuta attenzione agli aspetti di riservatezza della potenziale vittima e del segnalante.

  • Un sistema di tutela sempre sotto controllo

Monitoriamo costantemente il nostro sistema di tutela, assicurandone efficacia e trasparenza e rendendo pubblicamente disponibile il numero di eventuali segnalazioni pervenute e gestite ogni anno.

  • Assicuriamo la sicurezza online

Assicuriamo al nostro interno, e promuoviamo all’esterno, l’accesso dei minori a un ambiente sicuro online e contrastiamo i rischi connessi a un utilizzo non consapevole della rete, tra cui il cyberbullismo e gli abusi sessuali online.

  • Nessuna discriminazione: la tutela è per tutti

Garantiamo il medesimo livello di tutela a tutti i minorenni con cui entriamo in contatto, senza discriminazioni e indipendentemente dalle differenze culturali, linguistiche, di genere, religiose o di altra natura e dalle loro condizioni fisiche o psicologiche.

  • La voce dei bambini e dei ragazzi 

Consideriamo la partecipazione attiva di bambine, bambini e adolescenti un elemento imprescindibile per ottenere un ambiente sicuro e adottiamo misure efficaci affinché questo si realizzi concretamente, anche al fine di prevenire comportamenti scorretti nelle relazioni tra pari.

  • Collaboriamo e integriamo le nostre azioni

Collaboriamo con le istituzioni che hanno competenza nella tutela dei minorenni da abusi e maltrattamenti, tra cui le forze di polizia e la magistratura, e promuoviamo presso le autorità pubbliche e gli enti territoriali, l’adozione di norme e di prassi tali da favorire la sicurezza dei minori in tutti i contesti educativi.

Una responsabilità collettiva: proteggere e tutelare i bambini


Tutti gli adulti hanno la responsabilità, individuale e collettiva, di assicurare il pieno rispetto dei diritti di bambini, bambine e adolescenti e di garantire che i luoghi e i servizi da loro frequentati siano sicuri e protetti. 
L’obiettivo del nostro decalogo è chiaro: proteggere insieme bambine, bambini, ragazze e ragazzi da ogni forma di abuso, violenza e/o discriminazione.
 

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche